The recent past…

Nel 2013 la band incide il brano “Manichini [Il silenzio ammazza]” per l’associazione Libera Contro Le Mafie Corredato da un video di impatto, il pezzo è squisitamente pop per parlare ad una nuova platea del problema della mafia. Il video, realizzato da Gigi Piana, viene recensito e pubblicato da XL e riceve il premio speciale Mei, conferito durante il Pivi, il relativo brano è stato selezionato tra i vincitori del contest MusicaControLeMafie e premiato al Medimex 2013 di Bari.

Ancora nel 2013 apre il concerto di Petra Magoni & Ferruccio Spinetti (Musica Nuda) sul palco dello storico Bloom di Mezzago. Nel 2014 i LoMé entrano in studio per registrare un nuovo lavoro dedicato alla reinterpretazione di brani storici del pop. Queste incisioni eseguite live presso il Jazz club di Biella trovano poi edizione nell’EP “MUTE” uscito in edizione limitata nel 2015. Dopo un mini tour di presentazione del lavoro la band entra in studio per scrivere ed arrangiare il nuovo album in uscita nel 2016.

The beginning…

I LoMé nascono nel 2001 a Biella e già nel loro primo anno di attività ricevono una menzione al “World Music Festival” di Fivazzano. Nel 2002 partecipano a diversi concorsi e festival nazionali classificandosi al terzo posto a “Strade del Cinema” e nel 2003 vincono il “PercFest”. Nello stesso anno iniziano a lavorare alla composizione e alla registrazione dei brani che con?uiranno nel loro primo lavoro discografico.

Nel 2004 pubblicano il loro disco di esordio “Fiori su Marte” (L’Eubage) che ottiene una buona risposta dalla critica italiana e francese. Durante il tour promozionale del disco, i LoMé partecipano al concorso “Demetrio Stratos” e vincono il primo premio. La stagione dei premi continua sino al 2005, anno in cui la band vince il “Premio Bindi” e sigla un contratto per la distribuzione del disco negli Stati Uniti e in Giappone.

Nel 2006 la band é invitata ad esibirsi durante il “Premio Tenco” ricevendo ottime recensioni e critiche dai giornalisti di settore presenti all’evento. La loro performance all’Ariston é stata trasmessa su RaiDue. Nei due anni successivi la formazione si dedica esclusivamente all’attività live suonando all’interno di importanti festival quali “Su la Testa” (Albenga), “Mantova Music Festival”, “Bordighera Jazz & Blues” (premio miglior interpretazione) e infine aprono un concerto del duo “Bollani-Rava”. Nell’estate 2009 ospitano durante un loro concerto al Cinemountain Festival la cantante Irene Grandi, eseguendo insieme alcuni brani del repertorio dell’artista fiorentina.

A novembre del 2009 pubblicano il loro secondo disco “La Ragione: non ce l’ha nessuno” (L’Eubage) che vanta la produzione artistica di Enrico Montrosset e Peter Walsh (produttore artistico dei Simple Minds, Peter Gabriel, Cristina Donà). Il loro secondo lavoro riceve nei primi mesi dopo l’uscita ufficiale ottime recensioni sulle più importanti testate musicali e non: Il Mucchio, Rockstar, Blow Up, XL, Repubblica, Kataweb, La Stampa, Rockit, Sky.

Nel febbraio 2010 la formazione partecipa come ospite alla manifestazione “Bindi Winter” e al “Premio Buscaglione”. Nel luglio 2010 si esibiscono all’Heineken Jammin Festival, selezionati dall’apposita giuria tra i 3500 partecipanti del contest. Nel 2012, sempre per l’etichetta L’Eubage, realizzano il disco live “Prigionieri delle scimmie”, sintesi di un anno e mezzo di concerti live nei music club di tutta Italia. Nello stesso anno sono la prima band pop rock ad essere ammessa ad esibirsi a Casa Verdi di Milano, tempio della musica classica fin dalla fondazione, con riscontri lusinghieri. Agosto 2012 li vede ospiti del Busker Festival di Ferrara, rassegna internazionale degli artisti di strada.

La formazione:

Leggi di più e accedi al materiale audio e video su :

VIDEO RAIDUE – Premio Tenco – BLUBU

http://www.youtube.com/watch?v=8e_iJQD3a38

LoMé YOU TUBE CHANNEL

http://www.youtube.com/user/lomeband?feature=watch

VIDEO LE MIE IDEE

http://www.youtube.com/watch?v=4Z32LfYtObY

FACEBOOK

http://www.facebook.com/lomeband

Di loro hanno scritto:

I LoMé rappresentano qualcosa di nuovo per la musica d’autore italiana. Testi forti alla Tenco, ma su musica suonata con virtuosismo, molto lontana dalla tradizione cantautorale. Convivono senza frizione il dinamismo dei Mars Volta con le performance degli Area, le melodie degli standards con poliritmie che sanno di Zappa…ma la cosa vera è che sono i LoMé.”